Breaking News
recent

Creare un pdf per la stampa - Parte 01

Creare un pdf ottimizzato per la stampa non è di certo una semplice procedura di salvataggio; nonostante ci siano in rete software scaricabili gratuitamente che, installando stampanti virtuali, permettono la "stampa" in formato pdf, bisogna comprendere che le esigenze in tipografia sono ben diverse e che per questo è opportuno considerare alcuni accorgimenti prima in inviare il lavoro in prestampa. Vedremo in un post successivo come si differenziano i programmi di stampa e quali opzioni attivare a seconda del software utilizzato. Concentriamoci per ora sugli accorgimenti "base"!


ABBONDANZE

L'abbondanza (o smargine) è quella parte di grafica che eccede dal formato finito. È consuetudine impostare questo valore a 3mm, allargando la grafica del proprio progetto oltre il formato base. Questo permetterà, in fase di taglio, di essere più precisi e di eliminare la possibilità che un rifilo bianco compaia a bordo pagina. Per lavorazioni particolari (come ad esempio un punto metallico con un numero considerevole di pagine) consiglio un valore minimo di 5mm (facciamo che lo consiglio comunque! :-P ).

CROCINI

I crocini sono quei segni posti oltre il formato finito e che stanno ad indicare tagli, pieghe e cordonature di un progetto. Sono indispensabili perchè aiutano a capire come impostare il lavoro prima di andare in stampa.La raccomandazione è quella di metterli almento a 3/4 mm di distanza dal formato finito.

COLORI

Altra nota dolente su cui andrebbe dedicato un intero post (magari più in la ne dedicherò qualcuno come approfondimento). La quadricromia rimane alla base di qualsiasi progetto, quindi evitate colori in RGB o tinte piatte non apportunamente dichiarate perchè in fase di convesione si potrebbero ottenere risulati inaspettati. Per i Pantoni, è bene sapere che i pantoni si differenziano anche per il tipo di supporto su cui verrano stampati: quindi valutate con largo anticipo quali colori utilizzare in funzione della carta scelta.

IMMAGINI

Con l'avvento di internet, abbiamo il vantaggio di avere una libreria fotografica pressocchè illimitata; tuttavia, si sono moltiplicati in modo esponenziale i grafici che utilizzano immagini di pessima qualità per le loro pubblicazioni. Per una stampa di qualità elevata, le immagini devono essere utilizzate a 300dpi nel loro formato reale (e non ingrandite o ridotte in percentuale). Questo favorirà i calcoli nella creazione del pdf, oltre che a garantire una stampa eccelsa.

Direi che per oggi ve ne ho raccontate abbastanza! Di approfondimenti potrei riempire un blog intero! A breve vi posterò una parte aggiuntiva che analizzerà più nel dettaglio gli aspetti per creare un buon pdf.
Raffaele Angelillo

Raffaele Angelillo

Posta un commento
Powered by Blogger.