Breaking News
recent

Cosa è un postscript (e perché non è ancora morto)

Adobe Postscript
Con un titolo del genere credo di smuovere più di una coscienza. Sto parlando del PostScript, l'antenato del PDF e chi lavora nelle arti grafiche da due o tre lustri, in passato avrà sentito parlare di qualcosa che molti  oggi considerano obsoleto.

PostScript è un linguaggio di descrizione di pagina interpretato particolarmente adatto alla descrizione di pagine ed immagini, sviluppato da Adobe Systems ed inizialmente usato come linguaggio per il controllo delle stampanti (fonte Wikipedia). 

Quando in passato si voleva esportare un impaginato, spesso si generava un file PostScript che, opportunamente distillato con Acrobat Distiller, ci restituiva un file PDF "pronto per la stampa". Erano i tempi di Xpress, Page Maker, del compianto Freehand e di altri software che non permettevano l'esportazione diretta del PDF. Poi, l'arrivo della suite Adobe e l'evoluzione del PDF stesso hanno portato alla morte del Postscript. Almeno apparentemente.

Talvolta succede, infatti, che PDF generati senza ex professo (cognizione di causa n.d.r.) causino errori poco comprensibili in fase di rippaggio, con conseguente generazione di un PDF errato. In Kodak Prinergy (che utilizzo per lavoro quotidianamente ma lo stesso discorso vale anche per rip Agfa e Heidelberg) questi file non superano la fase del Normalize e i motivi di tali errori possono essere molteplici: parliamo di PDF generati con impostazioni non corrette o con software non professionali (alzi la mano chi non ha mai ricevuto un PDF  fatto con Canva, che è il male degli operatori dopo word) o anche di file che perdono informazioni nel trasferimento via web.

O, altre volte ancora, non si capisce quale possa essere il problema è si preferisce una nuova esportazione.

Acrobat Pro


In tutte le versioni di Acrobat Pro resiste stoicamente il formato PS, proprio tra le opzioni di esportazione del file. Utilizzando questa funzione (e facendo attenzione alle impostazioni da selezionare) otterrete un file PostScript. pronto per essere distillato, proprio come si faceva qualche anno fa. Nel 90% dei casi un file inutilizzabile riprende vita, nonostante questo metodo comporti la trasformazione di alcuni elementi (vedi trasparenze).
Ma "a mali estremi, estremi rimedi" e in prestampa, il luogo dell'escamotage per eccellenza, alcuni trucchi sono tramandati di generazione in generazione in barba alle norme e ai nuovi metodi che volevano assassinare il tanto utile PostScript. 
Raffaele Angelillo

Raffaele Angelillo

Posta un commento
Powered by Blogger.